Le vigne italiane: un patrimonio da preservare


I vigneti italiani rappresentano una vera e propria fonte di ricchezza per il nostro Paese; all'incremento che le vigne assicurano al Prodotto Interno Lordo, comunque, vanno ad aggiungersi numerosi altri fattori: tra questi è importante ricordare la tradizione legata al mantenimento delle stesse, requisito che fornisce a moltissime famiglie italiane una ragione di esistere. 

Malauguratamente, le condizioni climatiche verificatesi negli ultimi anni lasciano presagire che tale patrimonio naturalistico subirà profonde mutazioni, la maggior parte delle quali condurrà ad effetti tutt'altro che positivi. Basti pensare allo stress idrico cui le vigne d'Italia sono state sottoposte durante lo scorso inverno: nonostante le regioni settentrionali siano state colpite da violente precipitazioni, ciò non si è dimostrato sufficiente a riequilibrare ciò che la siccità generale ha intaccato; il tutto è poi stato implementato dai numerosi anticicloni abbattutisi senza alcun riguardo su tutto il panorama italiano. Nonostante gli enologi abbiano scelto di non pronunciarsi in catastrofiche previsioni, è evidente che un anno analogo a quello appena trascorso condurrebbe ad un irreversibile degrado dei vigneti italiani

La popolazione non può nulla contro la fatalità degli agenti atmosferici, ma dispone comunque di alcuni pratici metodi per arginare i danni: entrando nel dettaglio, si tratta di una missione bilaterale, cui tanto i produttori quanto i consumatori hanno il compito di adempiere. Per quanto concerne le tecniche di coltivazione, infatti, ciascun produttore, ed in particolar modo quelli ricollocabili alle zone sabbiose, hanno il compito di acuire le proprie tecniche, con lo scopo di ridurre al minimo la dispersione dell'acqua; dall'altro lato, ai consumatori spetta il dovere di sostenere i prodotti che derivano dalla lavorazione delle vigne, meditante l'acquisto degli stessi. Tale strategia infatti corrisponde allo strumento più idoneo alla valorizzazione di un patrimonio inestimabile. 


*Obbligatorio

Europe Conservation Funds: Scrivici la tua opinione

Sei un...

2011 EuropeConservation.org